SOSPESA

Come quando la riva dei mie occhi getta nell’acqua del tuo sguardo una fune di silenzio capillare. (©Giovanna Lacedra | 2013)

Sorgente: SOSPESA

Annunci

Per Voce Creativa: Intervista a Selena Leardini

“PER VOCE CREATIVA” è un ciclo di interviste riservate – e dedicate – alle donne del panorama artistico italiano contemporaneo. Per questa occasione Giovanna Lacedra incontra Selena Leardini:

“Sarò per sempre

la tua ninna nanna,

la biglia che sfugge,

 alla tua condanna.”

Vecchie foto in bianco e nero, risalenti ai primi del Novecento, ritraggono infanzie remote e inconoscibili.

La fotografia ferma il tempo. Eppure, il tempo di quei bambini e di quelle bambine oggi non esiste più. Precipita nel gorgo dove i ricordi si mescolano all’immaginazione. Dando luogo ad una dimensione ibrida ed impenetrabile: quella di un per sempre che invece non è stato mai.

Vecchie foto raccolgono polvere sulle bancarelle dei mercatini di antiquariato, ma Selena le recupera, per riplasmarle in sogni ed incubi. Ne traccia lo scheletro su un cartoncino liscio e le veste poi, di una nuova identità. Un’identità che è forse sempre la stessa, sempre uguale e sempre diversa. Come uguale e diversa può essere la fame – o la sempreverde domanda d’amore.

Ciascuna delle sue creature è alla fine sempre una, intrappolata in un’infanzia che non è mai  pienamente stata. E volge allo spettatore uno sguardo deciso. Come a fendere la cecità che spesso alberga negli adulti.

I bambini vogliono essere guardati. Pretendono di essere visti e soprattutto amati. Altrimenti si ritraggono. E intimamente – molto intimamente –, alla fine poi si arrabbiano.

Le creature di Selena Leardini appaiono come anime chiuse in un’infanzia imperscrutabile. Ieratiche si stagliano su fondali bui e indefiniti. Raccontano di una l’età dell’innocenza forse cristallizzata: mai vissuta e quindi mai dimenticata. Sono bambini che resteranno bambini per sempre. Docili, inquieti, indagatori. Si lasciano custodire da sontuose cornici intagliate.

La passione di Selena è girare per mercatini, infoltendo quel repertorio fotografico che è alla fonte della sua ricerca poposurreale, e collezionando cornici con le quali abbiglierà le sue opere.

Esponente della Lowbrow-art, Selena è un’artista piuttosto riservata. Non ama mettersi in mostra e non è neppure troppo propensa a raccontare di sé. Lascia che siano le sue opere a parlare. .E ci invita a scivolare nel mondo dei suoi infanti, ovattato, buio e misterioso. Per incontrare magari, il bambino che siamo stati.

Il bambino che ancora siamo. Che per sempre, da qualche parte, saremo.

Selena Leardini vive e lavora in Trentino. Questa è la sua Voce Creativa per voi:

Selena Leardini | Foto di Ganpaolo Calza

Selena Leardini | Foto di Ganpaolo Calza

G.: Chi sei tu? La donna, l’animale, l’artista…

S.: Ho una domanda di riserva?

G.: E se non fossi un’artista?

S.: Sempre che lo sia, sarei una cerca robe: svuoterei cantine e solai. Sono attratta dagli oggetti abbandonati, dimenticati, nascosti.

G.: Perché lo fai?

S.: Perché quando ero piccola e tornavo dall’asilo con un disegno nuovo mi facevano tutti i complimenti. Nel riconoscimento degli altri mi sentivo apprezzata. E’ una sensazione gradevole che non mi ha mai abbandonata. In fondo, siamo tutti un po’ bambini.

G.: Perché la pittura?

S.: Ho appena risposto…

G.: Quale credi sia il compito di una donna-artista, oggi?

S.: Non credo si possa definire l’arte un compito, o perlomeno, non l’ho mai vissuta come tale. Forse é un’urgenza, una necessità, un lavoro, una continua esperienza, sia per le donne che per gli uomini.

G.: Quali sono le tematiche della tua ricerca e quanto c’è di autobiografico?

S.: Sono tematiche rivolte all’infanzia e nascono da vecchie foto di bimbi dimenticati nel tempo, soprattutto dalla solitudine che sembra avvolgerli.

G.: Chi sono le creature che popolano i tuoi quadri?

S.: Come dicevo prima sono principalmente bambini, e spesso a far loro compagnia ci sono piccole presenze silenziose e quasi invisibili.

G.: Ci racconti come nasce un tuo lavoro?

S.: Nasce tutto dalla scelta della cornice, per me è importante che sia d’epoca. Una volta portata in studio la guardo, finché vedo dentro il quadro finito.

G.: Ad ispirarti, influenzarti, illuminarti ci sono o ci sono state letture particolari?

S.: No.

G.: Che musica ascolti quando hai le mani in pasta al tuo lavoro?

S.: La musica mi condizionerebbe, quindi preferisco il silenzio.

G.: Scegli 3 delle tue opere per descrivermi la tua ricerca:

S.: La piccola fiammiferaia –  2013

Giovanna-Lacedra_Selena-Leardini_Fiammiferaia-39,5x44,5-Selena Lenardini-31072015A

Questo è uno dei pochi quadri che ho in casa e dai quali non mi sono separata, fa parte di un passaggio artistico del mio percorso.

S.: Il cuore dell’orco –  2015

Giovanna-Lacedra_Selena-Leardini_-Il cuore dell'Orco- Selena Leardini-

Penso che quest’opera mi rappresenti particolarmente.

S.: Atar- i 2013Giovanna-Lacedra_Selena-Leardini_Atari-Selena Lenardini-31072015ALa foto della bimba a cui mi sono ispirata è una delle mie preferite e più utilizzate, il quadro prende ispirazione anche da Brillo, un personaggio apparso su Linus qualche anno fa.

G.: L’opera d’arte che ti fa dire: “questa avrei davvero voluto realizzarla io!”?

S.: Sono tantissime le opere d’arte che ammiro e mi emozionano, ma non mi è mai venuta in mente questa frase.

Un o una artista che non ti ha mai emozionato:

S.:  Cavoli! Come si fa a dirlo?

G.: Un o una artista che avresti voluto esser tu:

S.: In realtà non avrei mai voluto essere un artista.

G.: In quale altro ambito sfoderi la tua creatività?

S.: Cerco di divertirmi a fare bene ogni cosa che faccio.

G.: Work in progress e progetti per il futuro:

Al momento ho due personali una a Rovereto a Dicembre e l’altra a Roma ad aprile. Ho in mente anche un progetto: fare un esposizione della mia collezione di foto d’epoca.

G.: Il tuo motto in una citazione che ti sta a cuore

S.: Le cose devono appartenere a chi se ne prende cura.

Giampaolo Calza¦Ç-0773

Selena Leardini su Facebook: https://www.facebook.com/selena.leardini?fref=ts